ITA

ITA  ENG

LUIGI PITZALIS, RAMAIO VIA GIOVANNI XXIII, 10 08033 ISILI [CA] - ITALY
T. +39 0000 000000 | e-mail: info @ luigipitzalis.it

Isili, storia del rame

Nella seconda metà dell'ottocento un ramaio di Isili, Nicolau Porcu, in società con Battista Fois di Villacidro, apre una fonderia in quel paese, che andrà avanti, con alterne vicende, fino alla chiusura nel 1921. Assieme a queste botteghe si continua a lavorare, almeno fino ai primi anni del secondo dopoguerra, anche a Cuglieri (Antonio Casule e Battista Biancu), a Tempio (fratelli Anziani), ad Orani (i Bruno), a Tresnuraghes (i Marini), a Villanova Monteleone (uno dei Marini di Tresnuraghes e un certo Solinas), a Sassari (Palmieri), probabilmente discendenti di artigiani originari della penisola.

Gli anni sessanta del novecento fotografano una situazione in cui la sola Isili rimane in Sardegna a lavorare il rame. I nuovi materiali si impongono e determinano in quegli anni un lento ma costante abbandono dell'oggetto in rame. Attorno agli anni ottanta del '900 sono presenti a Isili ancora una decina di artigiani e una trentina di rivenditori. Il loro numero va progressivamente scemando, a causa del mancato ricambio rispetto al graduale abbandono dei vecchi.
Attualmente sono presenti a Isili solamente due artigiani che mantengono in vita questa antica arte.

PAGINA    1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 | 11 |