ITA

ITA  ENG

LUIGI PITZALIS, RAMAIO VIA GIOVANNI XXIII, 10 08033 ISILI [CA] - ITALY
T. +39 0000 000000 | e-mail: info @ luigipitzalis.it

Isili, storia del rame

Il periodo aragonese, a riguardo del commercio e delle arti, è caratterizzato inizialmente dalla cacciata delle numerosa comunità pisana, e la sua sostituzione con una altrettanto numerosa comunità catalana e giudaica. A Cagliari essi si insediarono all'interno del castrum occupandosi del commercio minuto e dell'artigianato. Ugualmente a Sassari, i cui abitanti furono cacciati e la città ripopolata con elementi catalani, e tra questi una numerosa comunità giudaica dedita al commercio e alle arti.

Tra i documenti dell'epoca si può trovare qualche accenno alle attività di scambio di oggetti in rame; in una ricevuta della dogana di Cagliari si parla di rame in partenza per Trapani, e in un altro, sempre via mare, di alcune caldere in rame che da Cagliari sono destinate ad Alghero. Attorno al quattordicesimo secolo si formano nelle due città maggiori i primi gremii, e successivamente anche nelle città di Iglesias, di Alghero e di Oristano. Solamente nelle due città maggiori i gremii sono costituiti per ciascuna attività, mentre nei tre centri minori, all'interno di pochi gremii, si raggruppano attività eterogenee, probabilmente a causa del minor numero degli artefici operanti sul posto.

PAGINA    1 2 3 | 4 | 5 6 7 8 9 10 11