ITA

ITA  ENG

LUIGI PITZALIS, RAMAIO VIA GIOVANNI XXIII, 10 08033 ISILI [CA] - ITALY
T. +39 0000 000000 | e-mail: info @ luigipitzalis.it

Isili, storia del rame

I gremi vengono sciolti col regio decreto del 29 maggio del 1864, lasciando il posto alle società di mutuo soccorso. A Sassari si costituisce nel 1875 l'associazione di M.S. dei Fabbri e Calderai. L'istituzione da parte del Concilio di Trento (1545-1563) dell'obbligo di tenuta nelle parrocchie dei cinque libri, con la registrazione dei dati correlati alla vita religiosa, consente di avere qualche notizia in più sulla vita dei singoli villaggi. È del 1677 il primo documento in cui si testimonia la presenza di un ramaio a Isili. Il notaio Pere Moi in un atto di censo a favore del rev. G. Battista Mura scrive

"... afronta a casa de Juani Lechis ferrer y a casa de Francisco Porcu ramenero...".
(Mura Giovanni - A agiudu torrau. Una Parrocchia, una comunità - Grafiche Ghiani 2008)
Pur non esistendo una ricerca sistematica a riguardo della lavorazione del rame si può ritenere che tale attività sia esercitata anche in alcuni centri dell'interno, e non solo nelle città maggiori. Compaiono qua e la scarne notizie di un qualche ramaio come ad esempio nel Libro dei Defunti della parrocchia di Siniscola nel quale si trova in data 4 gennaio 1825 un Antonio Dettori ramanayo di Bonorva.

PAGINA    1 2 3 4 5 | 6 | 7 8 9 10 11